Il Grande Gatsby al cinema.

greatgatsby-poster

Ci troviamo ancora di fronte ad un caso in cui la letteratura viene reinterpretata attraverso l’arte cinematografica. Il Grande Gatsby, caposaldo della narrativa americana, uscito nelle sale il 16 Maggio, riporta quasi alla lettera tutta la trama del libro, ma con qualche arrangiamento in chiave moderna, specialmente per quanto riguarda le musiche: infatti le grandi feste organizzate da Jay Gatsby non hanno un classico sottofondo musicale anni ’20, ma delle canzoni pop accompagnate da musica jazz e blues, con qualche punta di musica classica per alcuni picchi scenici; cosa che a mio avviso, ha tolto moltissimo al film. La scelta del cast è stata molto accurata e pensata, soprattutto per il protagonista, Gatsby, in cui Leonardo di Caprio si è rivelato ancora una volta estremamente duttile ed adatto alla parte, donandoci un’interpretazione eccezionale del personaggio; gli attori secondari sono altrettanto azzeccati, come Tobey Maguire, nel ruolo di Nick Carraway, che ha saputo ben gestire il suo personaggio anche se in alcuni punti, specie in quelli più sofferti, si percepisce ancora un attaccamento ad un suo ruolo precedente, Spiderman, molto azzeccato anche il personaggio di Daisy Buchanan interpretato da Carey Mulligan. Il lusso e lo sfarzo sono ben costruiti e danno una buona percezione di come i “nuovi ricchi” avevano preso in mano la situazione sociale e la loro necessità di elevarsi  ai ricchi “nobili”. Perciò nel complesso il film è stato presentato molto bene e non delude particolarmente le aspettative, come di solito accade quando viene inscenato un romanzo “classico”, ovviamente non deve essere paragonato a “Il Grande Gatsby” del 1974 con Robert Redford nel ruolo di Gatsby, altrimenti decade tutta la critica positiva, perciò guardatelo con occhi obbiettivi e godetevi il film. Per chi non avesse ancora letto il libro o vistone una interpretazione cinematografica, eccone un breve accenno di trama:

“Sulla costa settentrionale di Long Island, nel West Egg, si trasferisce un giovane e promettente agente di borsa, Nick Carraway, che affitta una piccola casa senza pretese circondata dalle sontuose dimore dei nuovi ricchi. La più bella, senza dubbio, è il palazzo acquistato dal miliardario Jay Gatsby, gentiluomo misterioso e affascinante che tutti i fine settimana dà dei party a cui tutta la città è invitata. Unico a vedersi recapitato un biglietto per uno di questi eventi, è proprio Nick. Si scopre, in seguito, che Gatsby ha acquistato il suddetto palazzo poiché dall’altra parte della baia, a East Egg, abita la donna che amava in gioventù, Daisy e dal suo molo si vede la famosa luce verde del molo di lei, simbolo di un sentimento mai del tutto sopito; Jay vuole a tutti i costi conquistarsi la fiducia e la stima del giovane scapolo per poter così arrivare alla ragazza, cugina di Nick, ormai sposata e madre di una bimba di tre anni.”

 

AZZURRA   LIA

3 thoughts on “Il Grande Gatsby al cinema.

  1. Secondo me non si è trattato solo della mancanza di musica anni 20′, perchè è comprensibile che il regista abbia voluto “avviciare” le nuove generazioni alla storia attraverso musica a loro più “familiare” se vogliamo.. però è mancata (per quel che riguarda il rapporto colonna sonora/film) emozione.
    Questa è solo la mia opinione, nient’altro, ma tranne che durante una scena (quella delle “camicie” per intendersi) non c’è stato il sentimento musicale coerente alle immagini che avrebbe dovuto portare lo spettatore in stato di “estasi”.

    • Parere mio film ben riuscito…. sulle musiche si, a volte un po’ di confusione… non tanto per il non essere anni 20, ma qualche volta ho trovato non avessero tanta coerenza con le scene, o almeno così mi è sembrato ecco… ovviamente è da prendere solo come un parere

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s