Firenze al cinema! (incluso programma serate)

Immagine
ImmagineImmagineImmagineImmagine

11-12-13 OTTOBRE: FIRENZE AL CINEMA 

Tre giorni di proiezioni fiorentine con il Clorofilla Film Festival  

Premio creatività, premio Arca e menzione Fedic alla Mostra del cinema di Venezia,

miglior corto italiano Bifest 2013 e menzione Legambiente a Cinemambiente 2013

tra le proiezioni in programma

Documentari, film e cortometraggi in anteprima regionale 

Ultima tappa del percorso cinematografico proposto dal Clorofilla Film Festival, realizzato da Legambiente, partito a giugno con Festambiente Vicenza e giunto all’appuntamento clou con le proiezioni che si terranno allo spazio Alfieri: cinema storico di Firenze che ha riaperto nei giorni scorsi dopo sette anni. Si partirà venerdì 11 ottobre alle 18 con il film Ultima chiamata, di Enrico Cerasuolo, fino a terminare domenica sera alle 22,30 con le premiazioni dell’edizione 2013 e le “Recinzioni” del critico cinematografico Johnny Palomba. Una serie di documentari, corti e film che attraverseranno diverse tematiche ambientali: dall’inquinamento ai cambiamenti climatici passando per il sottile tema dell’immigrazione affrontato in modo trasversale. Tutte proiezioni da non perdere, in anteprima regionale.

“Questa rassegna risponde in modo appropriato e colto – dichiara Fausto Ferruzza, Presidente di Legambiente Toscana – a bisogni profondi della nostra città capoluogo. Non sembri un paradosso, ma a Firenze c’è tanta fame di cultura, in un momento in cui più dura morde la crisi sociale ed economica, qui come altrove nel nostro Paese. Siamo pertanto onorati di compartecipare alla rinascita di uno spazio cinefilo storico come l’Alfieri di Firenze, e, per di più con produzioni indipendenti a tema socio/ambientale”.

Tra le proiezioni in programma figurano anche il vincitore del “Premio creatività”, della Menzione Fedic e del premio Arca alla Mostra del cinema di Venezia,  quello del “miglior corto italiano Bifest 2013” e la “menzione Legambiente a Cinemambiente 2013”. Una tre giorni da non perdere per conoscere meglio, e approfondire, non solo le tematiche ambientali ma il mondo che sta cambiando intorno a noi. Il biglietto giornaliero d’ingresso sarà di 5 euro, e darà diritto alla visione delle proiezioni pomeridiane e serali. Per conoscere l’intera programmazione è possibile consultare il sito internet www.spazioalfieri.it.

PROGRAMMA CLOROFILLA FILM FESTIVAL – SPAZIO ALFIERI (FIRENZE) 

11-13 OTTOBRE 2013

VENERDI’ 11 OTTOBRE

Ore 18.00 – Ultima chiamata – Last call di Enrico Cerasuolo (2013) – Italia, 90’

Introduce: Fausto Ferruzza, Presidente Legambiente Toscana

40 anni fa, la pubblicazione di The Limits to Growth sconvolse il mondo. Il libro, basato sul report di un team di scienziati del MIT, era portatore di un messaggio che oggi è più attuale che mai: il pianeta Terra è un sistema finito e la crescita economica a pieno ritmo porterà la nostra società e l’ambiente sull’orlo del collasso.
Il documentario Ultima Chiamata racconta la storia dell’ascesa, caduta e rinascita di uno dei libri ambientalisti più controversi e stimolanti di tutti i tempi. Ripercorriamo gli eventi attraverso le storie dei suoi ideatori – Aurelio Peccei e Jay Forrester – e autori – Dennis e Donella Meadows, Jorgen Randers, Bill Behrens –, un gruppo di persone molto diverse tra loro, ma unite da un’estrema attenzione per le future generazioni.
Il messaggio di The Limits to Growth è rimasto inascoltato per 40 anni. L’abitudine di prendere decisioni a breve termine dal punto di vista ambientale, economico e politico ha portato a questo grande ritardo d’azione, nonostante il libro anticipasse già allora la crisi globale che stiamo vivendo oggi.

Ore 21.00 – The change di Fabian Ribezzo (2011) – Italia, Mozambico, 15’

Un villaggio che vive in perfetta armonia con la natura viene stravolto dall’apparizione di un misterioso artefatto di ferro.

Ore 21.30 – L’arte della felicità di Alessandro Rak (2013) – Italia, 82’

Partecipano: il regista Alessandro Rak, GNUT autore di alcuni brani inseriti nel film

arte della felicitaDue fratelli. Due continenti. Due vite. Una sola anima. Sotto un cielo plumbeo tra i presagi apocalittici di una Napoli all’apice del suo degrado, Sergio, un tassista, riceve una notizia che lo sconvolge. Niente potrà più essere come prima. Ora Sergio si guarda allo specchio e quello che vede è un uomo di quarant’anni , che ha voltato le spalle alla musica e si è perso nel limbo della sua città. Mentre fuori imperversa la tempesta, il suo taxi comincia ad affollarsi di ricordi, di speranze, di rimpianti, di presenze. Prima o poi la pioggia smetterà di cadere. E da lì verrà la fine. O tornerà la musica.

Premio Arca, Menzione Fedic 70 Mostra internazionale del cinema di Venezia – Miglior opera prima Raindance Film Festival

A seguire showcase di GNUT

Claudio Domestico, dal 2003 è voce, chitarra e autore del progetto GNUT, con cui, dopo una serie di riconoscimenti nei maggiori festival indie italiani (Mei Fest 2003, Arezzo Wave 2004), nel febbraio 2008 pubblica il cd “DiVento” (Blend’r/Venus).

Ottimi consensi da parte di critica e pubblico accolgono l’uscita del primo lavoro della band, accompagnato dal video del singolo “Esistere” che raggiunge in pochissime settimane 50.000 visite su Youtube, oltre a svariati passaggi televisivi sul canale AllMusic (che dedica al disco anche uno speciale in esclusiva). Nel 2009 partecipa come chitarrista alla colonna sonora composta da Stefano Piro per il documentario sulle basi NATO nel mondo dal titolo “Standing Army“, regia di Enrico Parenti. “Il rumore della luce” (Metatron) esce a novembre 2012 e si avvale delle collaborazioni illustri di Mauro Pagani, Rodrigo D’Erasmo (Afterhours), Marco Sica(Guappecartò) e la EdoDea Ensamble (Capossela e Muse) al violino.

“Il disco perfetto è quello di Claudio Domestico, aka Gnut, che supera i clichè di ogni genere e si mostra per quello che è: un vero cantautore” (Enrico Amendola, recensione de “Il Rumore della Luce” su Indie For Bunnies)

SABATO 12 OTTOBRE 

Ore 18.00 – Il giorno che verrà di Simone Salvemini (2013) – Italia, 65’

Il Giorno che Verr+áDaniela è incinta, Pierpaolo sta ultimando una inedita e scioccante mappa della zona, Gianni aggiorna il blog, Paola sta per incidere il suo primo disco. Quattro storie e uno sguardo sulla città di Brindisi a 50 anni dalla nascita della sua zona industriale, considerata tra le più inquinate d’Europa.

Documentario vincitore menzione Legambiente a Cinemambiente 2013

Ore 21.00 – Secchi di Edoardo Natoli (2013) – Italia, 15’

Questa è la storia di Gianenzo. Undici anni appena compiuti, diciotto centimetri di altezza. Primo classificato nazionale juniores di scacchi, disegno, canto, solfeggio, aritmetica, pianoforte e chimica. Il tutto a pari merito con i suoi acerrimi nemici si intende. Lui, che fino al terzo anno di asilo era stato il reginetto della classe, si ritrova ormai da cinque anni a combattere contro due colossi della sua portata: la magnifica Luigifausta e l’imperturbabile Pancraziomaria. L’esame di quinta elementare è alle porte e nessuno dei tre sembra intenzionato a cedere. Chi si aggiudicherà il primo posto sul podio dei secchioni di classe?

Realizzato in stop motion dall’attore Edoardo Natoli, il corto è raccontato da Pierfrancesco Favino.

Premio della creatività – 70 Mostra internazionale del cinema di Venezia

Ore 21.30 – La mia classe di Daniele Gaglianone (2013) – Italia, 92’

Partecipano: gli sceneggiatori Claudia Russo e Gino Clemente

la mia classe - valerio mastandreaUn attore (Valerio Mastandrea) impersona un insegnante che dà lezioni ad una classe di stranieri che mettono in scena se stessi. Sono extracomunitari che vogliono imparare l’italiano per avere il permesso di soggiorno, per integrarsi, per vivere in Italia. Arrivano da diversi luoghi del mondo e ciascuno porta in classe il proprio. Ma durante le riprese accade un fatto per cui la realtà prende il sopravvento.

Giornate degli Autori – 70 Mostra internazionale del cinema di Venezia

DOMENICA 13 OTTOBRE  

Ore 16.00 – Epic – Il mondo segreto di Chris Wedge (2013) – Usa, 100’

epicUn’adolescente scopre un mondo segreto nascosto nel bosco. La giovane si troverà coinvolta in una battaglia insieme a curiose creature magiche, bestie mitologiche e incredibili insetti per salvare il luogo incantato da una terribile minaccia.

Ore 18.00 – La nebbia prima che si alzi di Angelo Rossetti, Michele Paladin (2013) – Italia, 45’

Piadena, pianura cremonese: c’era una volta un mondo agricolo, immobile nelle sue tradizioni e dinamiche sociali, che poi ha cominciato a trasformarsi con ritmi sempre più veloci. Il fotografo Giuseppe Morandi –senza mai possedere una macchina fotografica- l’ha documentato dall’interno, fissando nelle sue immagini una storia umile, che odora di campi arati, di polenta fumante, di mucche per la strada.

Ore 21.00 – Genesi di Donatella Altieri (2013) – Italia, 18’

 Giovanni (Roberto Herlitza) ha perso una figlia. La città non sa dargli conforto e così lui, deluso, irrigidito e chiuso nel suo dolore, torna nei luoghi dell’infanzia in cui ha vissuto l’esperienza della morte del padre.

Tra quegli ulivi, stimolato anche dall’incontro con un bambino, ricorda le urla e i lamenti del pianto rituale in casa di un contadino morto nello stesso giorno; l’antico e silenzioso rito dell’abbraccio dell’albero amico mentre alcuni uomini lo scuotevano e lo rassicuravano perché non perdesse le foglie per il dolore; la drammatica narrazione di una fiaba sulla morte rivolta a bambini e adulti, attenti e ammutoliti.

Pian piano nel suo animo qualcosa si muove: racconta alla figlia perduta, tornata a lui bambina nel sogno, il

racconto mitico della Genesi; decide di abbracciare l’albero amico e di sussurrargli il suo drammatico e fino a quel momento indicibile segreto.

 Miglior cortometraggio italiano Bifest 2013

Ore 21.30 – Con il fiato sospeso di Costanza Quatriglio (2013) – Italia, 35’

Partecipa: la regista Costanza Quatriglio

con-il-fiato-sospeso_locandinaStella (Alba Rohrwacher) studia Farmacia all’università. Quando è l’ora della tesi viene inserita in un gruppo di ricerca. Pian piano si rende conto che nei laboratori di chimica qualcosa non va. L’ambiente è insalubre, qualcuno comincia a star male, i professori parlano di coincidenze. L’amica Anna, che ha lasciato gli studi per suonare in un gruppo indie-punk, vorrebbe che Stella smettesse di passare intere giornate in laboratorio; Stella, al contrario, non vuole rinunciare al suo sogno. La sua storia si intreccia con il diario di un giovane dottorando che ha già percorso la strada in cui Stella si imbatterà. Ispirato a una storia vera.

Premio Gillo Pontecorvo – 70 Mostra internazionale del cinema di Venezia

Ore 22.15 – Premiazione Clorofilla 2013  

 Ore 22.30 – Johnny Palomba in “Recinzioni” 

Johnny Palomba è il critico cinematografico senza volto (si presenta con un passamontagna) che ha adottato il romanesco come lingua per i suoi scritti e che con le sue ‘recinzioni’ ne dice di cotte e di crude sul cinema e lo spettacolo. E’ nato in Colombia. La sua passione per il cinema nasce dalle sue prestazioni come stunt in scene ad alto rischio nei b-movies di Hong-Kong. Vive clandestinamente in un sottoscala di una grande multisala romana. E’ stato direttore di Fandango Web Radio, ha partecipato a numerose trasmissioni (Parla con me, The show must go off, Gazebo). Le sue “recinzioni” si leggono anche sul Corriere della Sera. E’ interprete insieme a Rolando Ravello, Valerio Aprea, Paola Minaccioni e tanti altri della webserie “Intrippment”, parodia di In treatment.

Spazio Alfieri Clorofilla Logo 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s